Eisriesenwelt Werfen: la grotta di ghiaccio più grande del mondo

Dove si trova la più grande grotta di ghiaccio al mondo? Proprio fuori dai confini italiani nella vicina Austria. Siamo nei pressi della splendida città di Salisburgo famosa per aver dato i natali nel 1756 al compositore Wolfgang Amadeus Mozart. Una città dove si assapora il fascino del tempo e della quale vi raccomandiamo sicuramente una visita. La grotta di ghiaccio di cui parliamo è la Eisriesenwelt nella frazione di Werfen a poche decine di minuti in auto da Salisburgo. Per la precisione il nome completo è Eisriesenwelt Werfen ed è un’esperienza da non perdere perchè offre uno spettacolo che non potrete trovare altrove. Come vedremo tra poco, inoltre, anche lo stesso percorso che porta alla grotta è magnifico e già questo vale una visita a Werfen.

La funivia più ripida dell’Austria

Arrivati a Werfen potrete lasciare l’auto in uno dei parcheggi messi a disposizione da questa piccola località. Per raggiungere la grotta è necessario prendere la funivia più ripida di tutta l’Austria (siamo in vena di record a Werfen!), basti pensare che in pochi minuti copre un dislivelo da 1.084 m a 1.586 m di altitudine. Per chi soffre di vertigini non è certo il massimo ma se scegliete una giornata con il cielo limpido potrete ammirare una vista da togliere il fiato sugli Alti Tauri e sulla vallata del Salzach. Peccato che spesso questa zona ha nuvole ed umidità anche nei mesi estivi. Una volta scesi dalla funivia si inizia un breve tratto a piedi che porta fino all’ingresso della grotta. Un percorso agevole che può essere affrontato anche dai bambini e con un punto di ristoro prima dell’arrivo alla grotta.

La scoperta di Eisriesenwelt Werfen

Eisriesenwelt Werfen è stata scoperta in tempi relativamente recenti. Basti pensare che fino a fine 1800 non era conosciuta per la sua posizione in alta montagna e per il fatto che la speleologia non era così diffusa nel paese austriaco. Fu Anton von Posselt-Czorich, studioso di Salisburgo, a scoprirla per la prima volta nel 1879 quando si inoltrò per circa 200 metri nel cuore della montagna. Dopo la fine del primo conflitto bellico si avanzò nella scoperta di questa splendida grotta fino ad avventurarsi per chilometri e chilometri nella montagna. Da questo momento iniziò ad avere grande interesse anche agli occhi dei turisti tanto che nel 1920 fu costruito il primo rifugio per i ricercatori ed i primi sentieri con passerelle in legno per i turisti. Dal 1955 si ha la svolta con la costruzione della funivia della quale abbiamo parlato poco sopra.

Le visite guidate

Alla grotta si accede solo e soltanto con visite guidate, non è possibile la visita da soli. Si richiede un abbigliamento pesante anche d’estate visto che all’interno la temperatura è sotto lo zero. Molto importante indossare scarpe comode, meglio se da trekking, per affrontare il lungo percorso sulle passerelle. La grotta nel suo complesso si estende per oltre 42 Km ma ai turisti si propongono visite della durata di 1 ora e mezzo. Si accede con le torce e non c’è elettricità nella grotta, anzi le guide vi mostreranno i ghiacci utilizzando barrette luminose di magnesio. E’ accessibile anche ai bambini che devono essere sempre sotto la sorveglianza attenta dei genitori. Per la sua posizione e la temperatura interna non è accessibile d’inverno e viene aperta ogni anno dal 1 Maggio a fine Ottobre. Il prezzo del biglietto, comprensivo di funivia, è di Euro 24. Per i ragazzi, da 15 a 18 anni inclusi, il prezzo è di Euro 18 mentre per i bambini, da 5 a 14 anni inclusi, il prezzo è di Euro 14. Durante i mesi estivi, in particolare durante Luglio e Agosto, l’affluenza di turisti è molto consistente. Il consiglio è quello di recarsi nelle prime ore della mattina per evitare lunghe code ed attesa.

A proposito dell'autore

Luca Terribili

Mi piace molto viaggiare ma le classiche mete da turista mi annoiano un po'. Ho sempre avuto una passione per i luoghi insoliti e le storie misteriose.

Lascia un commento