Sei validi motivi per visitare il Kazakistan nel 2018

Le persone che sono in possesso della cittadinanza italiana e sperano di visitare il Kazakistan possono farlo senza visto per un altro anno. Infatti, è stato confermato che fino al 31 dicembre 2018, i viaggiatori italiani possono soggiornare per un massimo di trenta giorni senza la necessità del visto.

Questo è uno dei motivi per cui il travel blogger Inguaribile Viaggiatore ha deciso di visitare questa bellissima nazione, ancora poco conosciuta in Italia.

Quindi è meglio approfittarne subito per conoscere cosa offre il Kazakistan, meglio conosciuto come la casa del personaggio immaginario di Sacha Baron Cohen, Borat.

1. Incisioni rupestri di Tamgaly

Uno dei luoghi più curiosi che potete trovare nel vostro viaggio alla scoperta del Kazakistan sono le incisioni rupestri a Tamgaly, (letteralmente “pietre con segni”) che si trovano sulle rive del fiume Ili, 170 chilometri a nord di Almaty.

Potete vedere delle incisioni che rappresentano uomini ed animali stilizzati, che sono state datate tra il XIV ed il XII sec. a. C.

Queste incisioni rupestri sono state incluse nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO già nel 2004.

2. La risposta kazaka al Grand Canyon americano

Molto colorato, enorme e completamente visitabile il Charyn Canyon è la risposta del Kazakistan al Grand Canyon americano a cui non deve invidiare nulla.

Il Charyn Canyon è conosciuto anche con il nome di «Valle dei castelli» per via delle formazioni rocciose che potete ammirare e si trova all’interno del parco naturale nazionale di Charyn

3. Musei eccentrici

Se vi piacciono i piccoli musei eccentrici, non perdetevi il museo degli strumenti musicali popolari del Kazakistan presso la città di Almaty. Situato all’interno del parco Panfilov, è ospitato in una tipica casa di legno che è un modo per approfondire la conoscenza delle usanze del popolo Kazako.

Vi ricordo che la città di Almaty è stata la capitale del Kazakistan fino al 1997, anno nella quale la capitale è stata spostata nella città di Astana.

4. Meravigliosa moschea di Nur Astana

Astana, la capitale del Kazakistan, ospita la terza più grande moschea dell’Asia centrale, la moschea di Nur Astana.

Migliaia di turisti vengono a visitare la moschea di Nur soprattutto per ammirare dal vivo, la sua cupola d’oro.

La moschea di Nur, può contenere fino a 5500 fedeli al suo interno e circa 4000 al suo esterno e si trova di praticante di fronte alla Piramide ed a poche centinaia di metri dal Museo Nazionale Kazako

I suoi 4 minareti la rendono molto appariscente, specialmente durante la notte quando è illuminata.

5. Ethereal Lake Kaindy

Il lago di Kaindy si è creato a seguito di un terremoto nel 1911 e rappresenta una curiosità molto affascinante per gli amanti del sub.

Infatti nel 1911, tra le montagne del Tien Shan , un terremoto ha creato una diga naturale che ha creato il lago di Kaindy, che ha sommerso gli alberi di abete rosso che c’erano, ma a causa delle bassissime temperature della zona, gli alberi non sono morti e continuano a crescere anche se sono parzialmente sommersi dalle acque turchesi del lago e questo crea un paesaggio unico.

Il lago di Kaindy si trova a circa 5 ore di macchina dalla città di Almaty,

6. Una torre coronata da un uovo

Costruita nel 1997 la Bayterek Tower è un’iconica torre alta 97 metri nella capitale Astana che è coronata da un uovo d’oro. È possibile viaggiare in un ascensore fino a 86 metri per vedere la capitale dall’altro ed ammirare la città ed i giardini curati sottostanti.

La Bayterek Tower rappresenta l’albero della vita che accoglie l’uccello Homa, una figura mitologica nella cultura kazaka che conduce la felicità.

A proposito dell'autore

Luca Terribili

Mi piace molto viaggiare ma le classiche mete da turista mi annoiano un po'. Ho sempre avuto una passione per i luoghi insoliti e le storie misteriose.

Lascia un commento