Haiku stairs, la scala per il paradiso

Haiku stairs è giustamente soprannominata come la scala per il Paradiso, una ripida salita sull’isola di Oahu nelle Hawaii che sembra scomparire nel cielo.

Dove porta realmente questa scala e perché è stata costruita? Facciamo un passo indietro, fino al lontano 1942, durante la Seconda Guerra Mondiale. La marina degli Stati Uniti aveva necessità di comunicare con la propria flotta, disseminata negli angoli più remoti del globo terrestre. In particolare era necessario raggiungere i sottomarini impegnati lungo la costa del Giappone, anche quando erano immersi sott’acqua.

Si procedette alla costruzione di una stazione radio top secret nella valle di Haiku e un trasmettitore VLF gigante fu posto sul picco della montagna Puukeahiakahoe.

Puukeahiakahoe

Dopo attente valutazioni si scelse il punto di accesso più “facile”, ai piedi del lato est della montagna e fu costruita una scala di legno per raggiungere la cima.

Nel 1950 la struttura originaria fu sostituita con scalini metallici, 3922 in tutto, intervallati da 5 piattaforme per riprendere fiato durante la salita.

Alla fine del 1960 il sito ha cambiato destinazione d’uso, diventando una stazione per il progetto Omega, il primo sistema globale di radionavigazione per aeromobili gestito dagli Stati Uniti, in collaborazione con altre 6 Nazioni.

Con l’introduzione e la diffusione del sistema GPS, Omega divenne obsoleto a partire dagli anni 90 e venne chiuso definitivamente il 30 settembre del 1997.

Tutte le stazioni furono chiuse, compresa quella sull’isola di Oahu. Centinaia di curiosi cominciarono ad intrufolarsi nella struttura abbandonata, desiderosi di ammirare il paesaggio. La rete metallica e il cartello “no trespassing” non rappresentavano certo un problema.

scala per il paradiso

Addirittura qualcuno è riuscito ad installare una pericolosissima altalena, su cui dondolare a 800 metri d’altezza. In un video divenuto virale, si vede una ragazza che scivola dall’altalena e i suoi amici che tentano di afferrarla.

A seguito dell’episodio, il governo locale ha deciso d’intervenire con fermezza: l’altalena e i pali arrugginiti che la sorreggevano sono stati rimossi, con un costo di circa 23.000 $. La sorveglianza è stata intensificata e sono previste multe salatissime per chi viene sorpreso in flagrante.

altalena

Se non volete correre rischi c’è un’alternativa legale per percorrere la scala per il paradiso, o per lo meno ci si può provare. Nel febbraio del 2015, una violenta tempesta ha danneggiato sensibilmente la struttura, ragion per cui alcuni abitanti del luogo si sono organizzati autonomamente, dando vita all’organizzazione no-profit “Friends of Haiku Stairs”. Da allora l’associazione si occupa della manutenzione della scala ed è in continua ricerca di volontari che diano una mano.

Particolarmente bene accette sono le persone che dispongono di qualche abilità qualificata, come botanica e ingegneria, in quanto le mansioni ordinarie (come la rimozione delle erbacce) sono le prime ad essere occupate.

A proposito dell'autore

Luca Terribili

Mi piace molto viaggiare ma le classiche mete da turista mi annoiano un po'. Ho sempre avuto una passione per i luoghi insoliti e le storie misteriose.

Lascia un commento